Commenta lo spettacolo (se l’hai visto)

 

Scorri la pagina fino e in fondo e potrai lasciare  un commento sulla rappresentazione. Un apprezzamento, una critica, un insulto, una dichiarazione d’amore, uno scherzo, una lacrima, un bacio, un pugno…insomma, tutto ciò che credi e che è nato dalla visione del nostro lavoro. Per noi sarà prezioso, quindi ti ringraziamo già da adesso.

grazie

Mattia e Jacopo

Annunci

703 pensieri riguardo “Commenta lo spettacolo (se l’hai visto)”

  1. Ancora una volta mi siete piaciuti un sacco; Un alt(r)o everest è il secondo spettacolo che vedo e vi dico bravi e grazie per portare le emozioni del teatro e della montagna in giro per l’Italia, senza “incarto”.
    Bellissima la frase di Baxter Jones…

  2. L’impatto è forte, lo è stato anche questa volta. Formidale l’equilibrio e l’armonia con cui siete passati da un flash back all’altro. GRAZIE (scritto tutto maiuscolo) per me siete una conferma. Come sottofondo musicale mi è sembrato di riconoscere la colonna sonora di Interstellar firmata da Zimmer…
    Scegliere – Un alt(r)o Everest – per festeggiare i 150 anni della Sezione CAI di Firenze è stato, secondo me, il modo migliore per dare spazio all’arte, alla cultura e all’alpinismo in montagna in un colpo solo. Significa incrementare un circuito virtuoso, narrare una storia vera anche a chi la montagna la frequenta poco, scoprire i libri da cui traete idee e nuovi progetti, dare gambe al vostro lavoro e alla vostra professionalità. Lo ripeterò sempre, non esiste una quadratura migliore. Vale la pena investire le risorse economiche a disposizione, ingaggiandovi. E’ nostra responsabilità alimentare l’arte e prendersene cura. Una stretta di mano… a presto!

    1. Cara Micaela! Che belle le tue parole! Grazie danno forza e sostegno! Grazie di cuore! Altro che stretta di mano! Un grande abbraccio! Ps: si un brano era di interstellar:)))

  3. “Un altro Everest” – Firenze, 18.09.2018. Lo spettacolo è stato un’esperienza fisica. Il moro intenso quasi ansimava per l’emozione del ricordo già all’inizio. L’angelo biondo lì era tranquillo, ma alla fine erano sudati fradici tutti e due. Anche in fondo a un crepaccio di ghiaccio, sudati fradici. Quanto a me, spettatore seduto, dopo lo spettacolo ho dovuto camminare un po’, lentamente, prima di andare a dormire, per tonificare le gambe stanche come da un grande sforzo, come se dal crepaccio ci fossi uscito io. Bravissimi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...